In vacanza con l’amico a quattro zampe: dove è più facile

.

In vacanza con l'amico a quattro zampe!Non tutti gli agriturismi prevedono la possibilità di ospitare i nostri amici a quattro zampe, cane, gatto o altra mascotte. La concorrenza sempre più agguerrita nel settore ha però spinto molte strutture rurali a venire incontro alle esigenze dei clienti, aprendo le porte agli animali domestici.

Ma quanti sono veramente gli agriturismi pet-friendly in Italia ed in quali regioni si concentrano?

La presenza e la diffusione di questo genere di servizio si può calcolare su scala regionale o nazionale, mettendo in risalto cioè in un caso la percentuale di agriturismi pet-friendly di una regione in relazione alla totalità delle strutture che questa stessa offre o, nell’altro, calcolando il dato sulla base nazionale.
Abbiamo così provato ad analizzare le cifre che abbiamo a disposizione ed ecco cosa ne è uscito:

Regione Base Di cui pet-friendly Percentuale pet-friendly sulla base regionale
Percentuale pet-friendly su base nazionale
Toscana 2625 625 23,8 18,8
Umbria 1607 499 31,0 15,0
Piemonte 910 344 37,8 10,3
Trentino Alto Adige 894 320 35,8 9,6
Marche 668 213 31,9 6,4
Emilia Romagna 657 212 32,3 6,4
Lazio 612 135 22,1 4,0
Veneto 536 127 23,7 3,8
Lombardia 721 126 17,5 3,8
Liguria 354 114 32,2 3,4
Puglia 486 105 21,6 3,2
Sardegna 446 85 19,1 2,5
Valle d’Aosta 227 82 36,1 2,5
Sicilia 355 81 22,8 2,4
Abruzzo 351 75 21,4 2,3
Friuli-Venezia Giulia 213 69 32,4 2,1
Campania 359 46 12,8 1,4
Calabria 135 40 29,6 1,2
Basilicata 110 32 29,1 1,0
Molise n.d. n.d. n.d. n.d.
12273 3331 27,1 100,00

Facciamo due osservazioni.

Se analizziamo la densità di strutture pet-friendly interna ad ogni regione vediamo come la più virtuosa risulta essere il Piemonte, dove quasi il 38% delle strutture rurali ammette la presenza dell’amico a quattro zampe, seguita da Valle d’Aosta, Trentino e Friuli. Fanalino di coda la Campania, con il primato negativo del 12,8%, seguita da Lombardia e Sardegna.

Se invece consideriamo il numero di strutture per-friendly in dato assoluto su scala nazionale vediamo come a guidare la classifica sia la Toscana, con quasi il 19% delle strutture italiane, seguita dall’Umbria, che ne ospita il 15%. Ultime Basilicata e Calabria, intorno ad un punto percentuale.

Nota: I dati appena elencati sono ricavati dal database delle strutture agrituristiche del portale Toprural  alla data del 15 settembre 2009. Nel calcolo delle “classifiche” non si è tenuto conto della regione Molise a causa del basso numero di strutture presenti.
La foto è tratta dal Flickr di Abbey’Christine



Pubblicato in: Comunicati Stampa, Professionisti, Turismo rurale, Viaggi

Tags: , , , ,

Post relazionati

  • Alla scoperta del cuore verde dell’Emilia Romagna
  • Passione per il tartufo? Scopri la Fiera del Tartufo bianco d’Alba 2013
  • I Comuni più ricercati dell’estate 2011
  • Pubblica un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Potrai usare il seguente codice HTML:
    <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

    *

    1. Gentile staff Toprural.
      vi communichiamo di aver avuto con piacere ospiti ” pet-friendly” di Toprural ..
      Vi portiamo a conoscenza di essere iscritti al web “amici a 4 zampe” e di essere sempre llieti di raccogliere ospiti con i propri “pets”.
      Cordialmente,
      Francesca Villa Finzi.it

    2. prpbabilmente se tutti ipadroni di (come spesso sono gli stranieri con animali)
      e trattassero bene i loro animali ma non certo come fossero figli come a volte capita e lasciassero pulito le stanze e gli appartamenti e se gli animali combinano un guaio lo facessero presente sicuramente le strutture ricettive che accolgono animali sarebbero molte di piu
      inoltre a volte in fase di prenotazione della vacanza i padroni furbetti concludono la trattativa sul prezzo migliore e solo dopo avvisano di avere un animale al seguito questo è scorretto e i gestori delle strutture ricettive si stufano dopo varie volte che si sentono raggirati la soluzione piu semplice è…..non accettare piu animali domestici al seguito degli ospiti questo spesso è il perche i cani e gatti non sono ammessi
      invece pagando volentieri una tariffa stabilita per l’amico a 4 zampe tutto si risolverebbe nel migluiore dei modi
      quello che scrtivo scaturisce dalla mia esperienza decennale di agriturismo in toscana con animali ammessi e contatti continuativi con altri gestori di agriturismi in italia
      maura lucatello da agriturismo lucatello in toscana

    3. Sono animalista,

      è vero gli italiani non sanno educare i loro animali.
      Ho avuto un’esperienza negativa con persone del sud venute per una mostra canina,
      il loro cane mi ha ucciso una gallina e non mi hanno avvisata,

      Questo lo considero scorretto, probanilmente , non sarebbe stata una cosa grave
      ma dovevano avvisarmi dell’accaduto.

    4. Buon giorno allo staff di Toprural,
      Mi devo corregere per aver scritto sul vostro blog “AMICI a 4 zampe” invece di ” TURISTI a 4 zampe”.
      Grazie, e buon lavoro a tutti,
      Cordiali saluti,
      Francesca Villa Finzi.it

    5. Ciao Francesca,
      grazie per l’augurio e non ti preoccupare per la correzione ;)!
      Buon lavoro anche a te e continua a seguirci,
      buona settimana
      Lo staff di Toprural

    6. Mi sono iscritta a turisti a quattro zampe

      Che sia chiaro, io accetto gli animali….


    7. monica dice:

      gli animali hanno bisogno di spazi aperti è importante scegliere bene anche dove portare gli animali, perchè anche loro hanno esigenze da rispettare!

    8. L’ Agriturismo a urbino Ca Brandano è lieto di ospitare i vostri amici a quattro zampe!