La spesa per una vacanza in agriturismo in Italia: 38,5 euro a persona in alta stagione

.

Nel 2013 per un soggiorno in agriturismo si spendono in media 38,5 euro, prezzo a notte per una persona in alta stagione, il 3% in più che nel 2012.
È questo il principale risultato dell’edizione 2013 del nostro “Barometro dei prezzi per l’agriturismo”.

Il dato non varia eccessivamente se si analizzano le due possibili tipologie di affitto: per il soggiorno rurale in un appartamento indipendente si spendono in media 38,2 euro, sempre per persona e notte, mentre per l’affitto di una singola stanza si investe una media di 38,9 euro.
Barometro dei prezzi 2013 agriturismo TopruralAl Nord si spende meno. Una vacanza in agriturismo è più cara nelle regioni del Centro Italia, con una spesa media di 39,8 euro e nel Mezzogiorno, dove la media scende a 38,7 euro. Praticare turismo rurale è invece meno caro al Nord, dove una notte in agriturismo in alta stagione costa di media 35,3 euro a persona.
La combinazione più cara tra tipologia di struttura rurale e zona geografica è l’affitto di una stanza in agriturismo in Centro Italia (40,5 euro), mentre si spende di meno optando per un appartamento completo al Nord (32,2 euro).

La tendenza in aumento e l’introduzione dell’IMU sui fabbricati rurali. Il dato attuale registra un aumento dei prezzi del 3% rispetto al 2012 quando la spesa media nazionale si attestava sui 37,2 euro, valore tendenzialmente simile a quello fatto registrare nel 2011. Sull’aumento registrato può aver influito la recente introduzione dell’imposta IMU sui fabbricati rurali nell’ambito della manovra economica “Salva Italia” del governo uscente, imposta che ha supposto un onere aggiuntivo per azienda agricola – fonte Agriturist – di circa 1.600 euro.

In Europa si spende meno. Le equivalenti ricerche condotte da Toprural in Spagna, Francia e Portogallo evidenziano come in Italia l’agriturismo sia in media il 31% più caro che in Spagna e Francia, dove per una notte in agriturismo si spendono 26,7 euro a persona, ed il 15% più caro che in Portogallo dove la spesa ammonta a 32,7 euro.

Il metodo. Lo studio analizza i prezzi dichiarati da 1.130 agriturismi campione presenti su Toprural. La rilevazione dei dati è stata effettuata il 20 gennaio 2013.
Rientrano nelle regioni del Nord Italia: Liguria, Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Trentino-Alto Adige, Veneto.
Centro Italia: Lazio, Marche, Toscana ed Umbria.
Mezzogiorno: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia.

Allegati:

L’utilizzo del comunicato stampa è libero ma ti chiediamo solamente, in caso di diffusione in altri canali di comunicazione, una segnalazione con link attivo al nostro portale http://www.toprural.it.



Pubblicato in: Comunicati Stampa

Tags: , , ,

Post relazionati

  • Il Barometro dei prezzi per l’agriturismo, edizione 2012
  • Il Barometro dei prezzi 2011 per l’agriturismo
  • Pubblica un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    *

    Potrai usare il seguente codice HTML:
    <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>


    1. Anna P. Rodrigues dice:

      Sembra che va di moda mettere i prezzi per notte negli agriturismi. Sinceramente mi sembra una truffa una volta che i prezzi non sono mai reali, per esempio non c’è incluso la colazione o la cena.
      Affittare una casa o una camera in campagna non significa agriturismo. Per che non ripartiamo dal concetto cosa è un agriturismo e poi gli diamo il suo valore reale?

      • Ciao Anna, e grazie per il tuo commento. Il nostro studio non segue nessuna moda, lo facciamo da anni ed è su questo che basiamo l’evoluzione storica della situazione. È condotto inoltre sulla base dei prezzi dichiarati dagli agriturismi del nostro portale, che a volte includono colazione ed altri servizi (wi-fi gratis, guide sulla zona, utilizzo dell’orto, piscina…) a volte no. Riteniamo in ogni caso che il prezzo dichiarato dagli stessi proprietari sia un parametro affidabile in quanto tiene in considerazione il prezzo “chiavi in mano” per una notte in agriturismo, al di là dei servizi offerti soggettivamente da ogni struttura. Buona giornata!
        Lucio Colavero
        Comunicazione


    2. Gloria dice:

      Ciao, volevo dire la mia su questo argomento così importante: il prezzo da pagare per una notte fuori casa! Innanzi tutto bisogna vedere dove si passa questa notte fuori casa, perchè se la passo in un hotel di città con il rumore del traffico o al mare sulla via principale con la musica dei locali fino a tarda notte è ovvio che, per me, qualsiasi prezzo può essere eccessivo. Ma se decido di passare delle giornate a contatto con la natura, di dormire con la finestra aperta nella bella stagione e sentire i rumori della campagna circostante , sempre per me, questo non ha prezzo.
      Ho aperto da pochissimo un agriturismo vicino al Lago di Garda perchè credo in questo tipo di vacanza e per decidere i prezzi ci abbiamo messo davvero tanto. Ho pensato a quanto vorrei spendere io quando viaggio ma anche ai servizi che ho deciso di offrire. Adesso che ho aperto mi sono resa conto che per quanto hai i prezzi bassi sono sempre troppo alti per la maggior parte delle persone che ti fanno una richiesta. Dico la verità: ho ricevuto molte mail ma prenotazioni effettive davvero poche! Perchè? Forse non è ancora chiara la differenza tra l’agriturismo e le altre strutture. Eppure le immagini dei siti di agriturismo dovrebbero farti immaginare anche senza parole quello che troverai. Mi piacerebbe che l’agriturismo acquistasse davvero nel tempo tutto quel valore che oggi ha per me. Speriamo!