Basilicata coast to coast
Un itinerario da vivere

.

Oggi vogliamo proporvi un viaggio in Basilicata, un percorso da ovest a est, dal Tirreno allo Ionio, coast to coast, proprio come nel fortunato film di Rocco Papaleo. La Basilicata non è certamente una delle regioni italiane più conosciute ed anche per questo ha conservato molte delle sue bellezze naturali, dalle sue coste all’entroterra appenninico.

Una scena del film "Basilicata Coast to Coast"

La nostra avventura inizia a Maratea, unico Comune della Basilicata ad affacciarsi ad ovest sul mare. Conosciuta come la Perla del Tirreno o la città delle 44 chiese, Maratea è una delle principali mete turistiche della regione: qui godrete di una magnifica vista sul golfo di Policastro.

Il nostro viaggio slow ci porta a Trecchina, piccolo Comune nell’entroterra della costa tirrenica lucana ma dal clima già alpestre. Se passate  da qui ricordatevi di comprare il “Pane di Trecchina“, famoso per il particolare processo di lavorazione che permette una lunga conservazione.

Il cammino continua verso Aliano passando da Lauria, Comune natale dell’attore Rocco Papaleo, e Tramutola, il cui nome deriva da “terra motola”, ossia  ricca d’acqua, un tempo zona paludosa. Aliano, ed entriamo già in provincia di Matera, è conosciuto per essere stato il Comune del confino dello scrittore Carlo Levi, la sua fonte di ispirazione per il romanzo “Cristo si è fermato ad Eboli”. In tutta la zona possiamo ammirare i calanchi, vere e proprie rughe, anche molto profonde, che si formano sulle colline argillose a causa dell’azione erosiva delle precipitazioni.

I più curiosi potranno far tappa a Craco, piccolo Comune fantasma sulla cima di una collina, evacuato precipitosamente nel 1963 a causa della minaccia di una pericolosa frana. Il luogo è così suggestivo da essere stato scelto come ambientazione in numerosi film.

Inizia così la nostra discesa verso il mar Ionio passando per Tursi, centro medievale conosciuto per le rovine del suo castello gotico. In zona sorge maestoso su una piccola collina il santuario di Santa Maria di Anglona.

Arriviamo alla fine del nostro viaggio, dove le colline lasciano spazio ad una zona pianeggiante ed al secondo dei mari che bagnano la Basilicata, il mar Ionio. Scanzano Jonico è un piccolo Comune che presenta ancora evidenti tracce della colizzazione greca e bizantina, luogo perfetto per concludere la nostra avventura.

Vi abbiamo proposto un percorso da film, un percorso lento attraverso le bellezze naturali di una regione tutta da scoprire, un itinerario perfetto per il trekking, la bicicletta, il camper.

Il portale locale Innbasilicata permette il download dei file gps del cammino dove, tappa per tappa, si percorrono i quasi 300 km che vi porteranno dal contemplare il tramonto sul Tirreno a fare colazione sullo Ionio. Non avete più scuse.



Pubblicato in: Itinerari

Tags: , ,

Post relazionati

Pubblica un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrai usare il seguente codice HTML:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*


  1. Martina dice:

    Bellissimo post! Lo salvo tra i preferiti e lo spolvero quest’estate, ché l’idea mi stuzzica parecchio!

    • Grazie Martina! Spesso ci dimentichiamo delle bellezze che abbiamo in Italia e, specie di questi tempi, è un piacere riscoprire le nostre regioni. Facci sapere del viaggio! 🙂


      • katja galanti dice:

        Conosco un pochino la Basilicata, qualche anno fa siamo stati Matera Craco ed altri paesini caratteristici….ma dopo aver visto il film abbiamo subito pensato di ripercorrere l’itinerario in mountain bike. Per dormire hai da consigliarci dei posti economici senza pretese? Siamo abituati all’essenziale….facciamo spesso trekking in montagna….
        grazie Katja


        • lorenzo dice:

          ciao
          io dovrei organizzare un viaggio stile coast to coast per circa 20 persone…volevo sapere se potevi darmi alcune informazioni per quanto riguarda la logistica del percorso
          1) in quanto tempo si fa il oercorso completo a piedi?
          2)è possibile farne solo un pezzo? per esempio fermarsi a metà percorso e prendere un autobus che riporti a potenza o matera
          3) il clima è sopportabile nel periodo di agosto?
          4)si riesce a trovare da dormire a un buon prezzo considerando che ho la possibilità di utilizzare delle tende?


  2. giacomo dice:

    ciao parto il 12/08 potresti dirmi qualche posto dove mangiare e sostare col camper?
    grazie

  3. Per il mio quarantesimo compleanno ( fine settembre 2012) cercavo un’inressante itinerario per festaggiare una data importante. Ecco un’idea sicuramente interessante. Vado a studiare tutti i link


  4. Gianfranco dice:

    Grazie al film abbiamo fatto una bella vacanza toccando quasi tutti i luoghi e, sorpresa finale, a Lauria abbiamo conosciuto la mamma di Rocco che ci ha dedicato una bella serata di storie del suo ” Totò”
    Un viaggio che ci ha stupito per le bellezze naturali e la storia che racchiude,oltre la gentilezza del suo popolo…..e del suo cibo!


  5. Tommaso dice:

    E’ molto che volevo fare questo tour, almeno da quando ho visto il film. Lo sto organizzando in moto, partendo però da Lecce, quindi in senso inverso. Vi faro’ sapere!!!


  6. Ciro dice:

    Ciao, proprio ieri ho elaborato l’itinerario da fare però in moto, questo è l’inidirzzo cui trovarlo. Buona strada a tutti.
    http://wp.me/p2IpiA-lC


  7. Antonella milesi dice:

    Mi interessa molto potete darmi informazioni dettagliate e costi ? Grazie …resto in attesa ..


  8. valeria dice:

    Bello, ma vi consiglio di aggiungere all’itinerario Castelmezzano, il paese delle Dolomiti lucane, famoso da qualche anno per il ‘volo dell’ angelo’ .