Come creare un blog per il tuo agriturismo

.

Creare un blog per il tuo agriturismo non è così difficile come sembra. Oggi vogliamo spiegarti come fare, passo dopo passo.

Il blog (web-log, diario in Rete) è un sito web che vede i suoi contenuti pubblicati in ordine cronologico. Nati come veri e propri diari personali, i blog si sono molto presto trasformati in potenti strumenti di comunicazione per artisti, aziende, associazioni e liberi professionisti.

Il blog rappresenta uno strumento essenziale per un agriturismo per poter diffondere offerte e promozioni, attività e foto, tenendo così vivo il sito di una struttura rurale che altrimenti verrebbe percepito come un semplice manifesto on-line.

Registrati ed apri un blog. I contenuti del tuo futuro blog possono essere ospitati su varie piattaforme, tutte gratuite e molto semplici da usare, come WordPress o Blogger. La migliore soluzione, anche dal punto di vista della visibilità sui motori di ricerca, è che lo stesso blog nasca all’interno della pagina web principale del tuo agriturismo. Noi di Toprural abbiamo fatto questa scelta, installando una versione di WordPress indipendente, scaricabile dal portale dello stesso progetto opensource.

Una volta preso il controllo del blog, non resterà che scegliere un design accattivante (nulla di più semplice, ogni piattaforma mette gratuitamente a disposizione molte alternative) e configurare le tipologie di widget (applicazioni) che vorrai far comparire nella colonna dedicata (che normalmente troviamo sul lato destro dello schermo, come nel nostro blog).

Iniziamo a scrivere. Il contenuto dei blog è suddivisibile in due tipologie: post, ovvero gli articoli veri e propri,  e pagine, i contenuti prettamente statici che non modificheremo con il tempo (la pagina “chi siamo”, o la pagina “contatti”). I post rientrano in Categorie di contenuto (vere e proprie famiglie tematiche come “Feste nella zona”, “Ricette della casa”) e vengono etichettati grazie ai Tag (parole chiave che, oltre aiutare Google nell’interpretazione del contenuto del vostro blog,  permettono una navigazione alternativa tra i post). Il vostro blog assegnerà ad ogni pagina e post un indirizzo specifico ed univoco, che chiameremo permalink, che potremo modificare inserendo ulteriori parole chiave che aiutino i motori di ricerca nel loro lavoro di “scansione” della rete.

Ok, ho un blog, ma che ci scrivo? Il contenuto del tuo blog è sicuramente la parte più importante del progetto. Non sarebbe una cattiva idea programmare un “Brainstorming”, una pioggia di idee, tra tutti coloro che scriveranno nel blog per poter così chiarire la “linea editoriale” del progetto, e scegliere in che proporzione affrontare temi come:

  • Percorsi ed attrazioni turistiche nella zona. Ricorda che scrivere bene della tua zona non farà che aumentare l’interesse del lettore/potenziale turista che, se sceglierà di visitare le meraviglie del tuo territorio, non si dimenticherà certo di chi gliele avrà fatte conoscere!
  • Corsi ed attività offerte dalla tua struttura. Arricchisci sempre questo tipo di contenuti con fotografie e video.
  • Aneddoti ed esperienza personali. È essenziale far trasparire la tua personalità e la vicinanza: un blog è una pagina personale, esige un tono cordiale e vicino.
  • Offerte e promozioni. La facilità di pubblicazione di un blog è perfetta per comunicare offerte speciali e promozioni, magari dedicate esclusivamente ai lettori del tuo diario!

In un blog non deve mancare:

  • Costanza e periodicità. Un blog o viene aggiornato con una certa frequenza o muore rapidamente. Potrebbe aiutarti molto un calendario che ti aiuti nella pianificazione dei contenuti.
  • Rapporto con le reti sociali. Ogni tuo post dovrebbe contenere i bottoni per la condivisione sulle principali reti sociali, come dovrebbe rispecchiarsi nell’attività di profili specifici da te creati su Facebook, Twitter e Google+.
  • Link in entrata ed in uscita. Non ci pensare due volte: è “buona educazione”, oltre che molto utile, inserire dei link ad altri blog e siti web dove si parli dei tuoi stessi temi o si approfondiscano informazioni e tematiche. Aiutano il lettore, aiutano i motori di ricerca e creano reputazione, amicizie tra blog, sempre utilissime. Vedrai che poco a poco sarà il tuo blog a ricevere link dalla rete di amicizie virtuali che sarai riuscito a creare :).
  • Interazione. Rivolgi delle domande ai tuoi lettori, rispondi ai loro eventuali commenti, stimola la partecipazione. Crea la tua piccola comunità on-line!
  • Non rubare. Ricorda che copiare testi o immagini dal altri siti o blog, oltre che penalizzarti nei motori di ricerca, crea una cattiva reputazione. Pubblica sempre contenuto originale o, almeno, fai uso di immagini che rispettino la licenza Creative Commons.
  • Iscriviti a servizi di condivisione dei tuoi post come OK Notizie, Paper Blog, Ebuzzing. Fai viaggiare il tuo contenuto, non lo tenere al guinzaglio!

Qualche esempio per prendere ispirazione: Pizzicato Eco B&B, Serratone, La Fonte, Le Cicale. Questo post fa parte della nostra sezione dedicata ai proprietari di strutture rurali: “Agriturismi e reti sociali“.

Ti abbiamo convinto? Aprire un blog, a fronte di un piccolo sforzo, non porta che vantaggi. Ne hai già uno? Perchè non ci racconti la tua esperienza?



Pubblicato in: Agriturismo e Reti Sociali

Tags: , , ,

Post relazionati

  • “Facebook fidelizza, dal blog capisci cosa offrire, su Twitter incontri il mondo”: intervista a Giuseppe di Pizzicato Eco B&B
  • Calcola il grado di influenza del tuo agriturismo sulle reti sociali
  • Scopri come calcolare i risultati della tua presenza sulle reti sociali
  • Pubblica un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Potrai usare il seguente codice HTML:
    <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

    *