Scopriamo la natura della Sardegna

.

Isola della Maddalena. Foto CC 2.0 da Flickr di Michela Simoncini

La Sardegna è una Regione da scoprire. Attenzione: quella che potrebbe sembrare un’affermazione banale è invece una sfida. Chi di voi conosce l’interno della Sardegna? La Sardegna rurale, quella delle tradizioni, della gastronomia e della vita nei campi?

Un po’ di numeri. La Sardegna è la seconda isola del Mediterraneo, superata dalla sempre nostra Sicilia, ma la prima per estensione delle sue coste, che si estendono per quasi 1.900 chilometri. Non è una Regione popolosa ma nemmeno disabitata: con un milione e 640 mila abitanti è la undicesima più popolosa Regione italiana.

Il territorio. Ben l’80% del territorio della Sardegna è collinare o montagnoso. Parliamo di una isola che, come la Corsica, è letteralmente emersa dal mare in età antichissima a causa del lavoro delle tre principali placche continentali di questo emisfero. La miglior maniera per scoprire le bellezze del territorio della Sardegna è visitare la sua ricchia rete di Parchi Nazionali e zone protette, riserve naturali create dall’uomo per preservare la ricca flora e fauna dell’isola dalla nostra famosa abilità nello sconvolgere l’ambiente naturale.

I tre parchi nazionali si trovano sulla costa: il Parco Nazionale Arcipelago della Maddalena, che copre le Bocche di Bonifacio a Nord e le isole dell’arcipelago della Maddalena, il Parco Nazionale dell’Asinara, sul territorio dell’omonima isoletta, e il Parco Nazionale del Golfo di Orosei e del Gennargentu che dalla costa orientale si estende sino all’entroterra, coprendo quindi la flora e fauna del clima mediterraneo e quella del clima leggermente più continentale degli altopiani interni.

La flora e la fauna. La Sardegna, nonostante importanti opere di descoscamento, è la Regione italiana con la più vasta estensione boschiva. Gli amanti del verde non potranno non visitare la macchia-foresta del Sulcis, la zona di macchia mediterranea più grande d’Europa, e la foresta mediterranea sempreverde di Montes, all’interno del Parco del Gennargentu, anche essa la più estesa foresta del genere nel nostro continente.

L'asinello bianco dell'Asinara. Da WikimediaL’isolamento geografico di cui gode la Sardegna ha permesso la conservazione di specie animali autoctone che troviamo solo sull’isola come il cinghiale sardo, presente anche nella vicina Corsica, e l’asinello bianco che abita la sola isola dell’Asinara con circa 90 esemplari. Altra specie presente solo sull’isola è il Cavallino della Giara: specie importata forse nell’antichità dai navigatori greci o fenici, trova negli altopiani della Giara – nella sardegna centro meridionale – l’isolamento necessario alla conservazione della purezza della razza.

Il modo migliore per visitare la Sardegna. L’isola, con la sua natura, la sua storia millenaria e la sua cultura, è una Regione che merita essere riscoperta non solo in alta stagione e non solo attraverso le famose località turistiche della costa. Cerca il tuo agriturismo in Sardegna nella lista delle strutture rurali del nostro portale e non perderti nulla di questa meravigliosa isola!

Un piccolo suggerimento? Consulta la nostra proposta di itinerario nel sud-ovest della Sardegna, tra spiagge bianchissime, parchi naturali e storia, o le Grotte di Nettuno, vicino Alghero, raggiungibili dalla panoramica “Escala del Cabirol” a strapiombo sul mare!



Pubblicato in: Sagre, Turismo rurale

Tags: ,

Post relazionati

  • La Foresta di Montarbu: un viaggio nella Sardegna verde
  • Pubblica un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Potrai usare il seguente codice HTML:
    <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

    *