Il Paradiso prende vita!

.

Torna la nostra rubrica dedicata ai proprietari e alle loro affascinanti storie legate all’attività rurale.

“Giorgio e Giuliana, un bel giorno di molti anni fa, decisero di dare una impostazione diversa alla loro vita, inseguendo quello che da tempo era, per loro, il sogno toscano. Iniziarono quindi lunghe peregrinazioni, cercando qualcosa tra il territorio toscano e quello umbro.

Dopo anni di vagabondaggi, visitando decine di località e centinaia di proprietà e dopo essere diventati la favola di parenti ed amici, quando il sogno sembrava divenire sempre più irraggiungibile, improvvisamente, scoprirono l’Eden: il Podere Vignali a Murlo.

Per la verità, in quel momento, si trattava di un Paradiso un pò sui generis in quanto se l’ubicazione, gli spazi, la vista erano di per sé paradisiaci, tutto il resto avrebbe richiesto quanto meno qualche anno di Purgatorio.

Giorgio si scordò quarant’anni da commercialista per trasformarsi in farmer e Giuliana si riciclò, con pieno merito e a pieni voti, da casalinga in imprenditrice agrituristica, assistente edile e arredatrice.

Si rimboccarono le maniche e a dar loro una mano, si fa per dire, arrivò anche Tabù, luprador con un’orecchia su ed una giù, che quantomeno sollazza gli ospiti, giovanissimi, giovani e meno giovani, con le sue buffonate canine.

A tempo di record, ma rispettando la tradizione locale nella scelta dei materiali e nel rispetto della natura, Giorgio e Giuliana hanno ridato vita al Podere Vignali di Murlo, trasformandolo nell’attuale agognato … Paradiso!”

Giorgio e Giulia

Podere Vignali



Pubblicato in: Professionisti, Storia rurale, Turismo rurale

Tags: , ,

Post relazionati

  • Un Capodanno rurale? Inizia il nuovo anno in verde!
  • Le strutture rurali e gli agriturismi più esclusivi d’Italia
  • Natale con i tuoi, Capodanno in agriturismo!
  • Pubblica un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Potrai usare il seguente codice HTML:
    <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

    *