“Il nostro primo incontro? In una struttura rurale” Intervista ai bloggers di Traveldifferent

.

Travel Different è il primo social magazine italiano di viaggi. Progetto relativamente giovane, si è velocemente fatto strada nell’agguerrita concorrenza del settore grazie all’esperienza, questa sì più che dimostrata, degli otto bloggers che ci scrivono. Ecco i loro nomi, in rigoroso ordine alfabetico: Alessando Bertini, Alex Massari, Danilo Ricci, Francesca Turchi, Giuseppe Trisciuoglio, Nicola Spina, Serena Puosi e Valentina Besana.
Il blog, sempre vivacissimo, è attivo anche su Twitter (@travel_italia) e sulla pagina in Facebook.
Oggi inauguriamo una nuova sezione del blog dedicata alle interviste a protagonisti ed esperti del turismo on-line, vogliamo iniziare con questo allegro gruppo.

Come e perchè nasce Travel Different?
L’idea è nata durante un aperitivo tra Danilo e Giuseppe ormai quasi un anno fa. Ce lo racconta Danilo stesso “Entrambi eravamo nel mondo del blogging da un po’ di tempo ed eravamo interessati a fare un’esperienza nuova, origianale, diversa.
Abbiamo pensato che sarebbe stato davvero innovativo immaginare un blog “al contrario” in cui non è l’autore che decide i temi ma il lettore. Ovviamente la sfida era impegnativa e abbiamo inziato a creare un gruppo di blogger motivati e fidati, conosciuti in rete nei mesi precendenti o, dal vivo, durante il Pisa Blog Tour a cui avevo da poco partecipato.

Un aneddoto che vi ha reso orgogliosi di partecipare al progetto?
Serena: la prima cosa che mi viene in mente è la candidatura a Miglior Blog Turistico ai Macchianera Blog Awards: un successo del tutto inaspettato a pochi mesi di vita del progetto! Inoltre, mi è capitato più di una volta che mi fosse chiesto per quale blog scrivo, e alla risposta “Travel Different” mi venisse detto “Ah, ma è famoso!”… sono soddisfazioni! 🙂

Pensate sia possibile vivere di blogging?
Giuseppe: Vivere di blogging? Penso di no, come non si può vivere per lavorare :-P. Il blog secondo me deve essere visto come uno strumento per il nostro lavoro e non il lavoro stesso. Molti bloggers si sono evoluti a copywriter, molti usano il blog per sponsorizzare i loro “progetti” e i loro “prodotti”.

Una vostra opinione sul difficile rapporto blogger/marca in cerca di visibilità
Questa crediamo sia una situazione che molti blogger si trovano di fronte; l’importante, a nostro parere, è rimanere comunque imparziali e fornire ai lettori opinioni indipendenti. In fin dei conti da un comportamento del genere ne guadagnano tutti: il blogger guadagna credibilità nei confronti dei lettori (che è la cosa più importante!) mentre l’azienda se che se il blogger esprimerà un giudizio positivo il messaggio arriverà agli utenti e sarà preso in forte considerazione.

Il vostro rapporto con il turismo rurale ed il mondo dell’agriturismo
Si può coniare il termine “ottimissimo”? 🙂 Ognuno di noi ha avuto diverse esperienze in agriturismo ed anche quando abbiamo organizzato il nostro primo ritrovo live, la nostra base è stata un bellissimo agri-hotel sulle splendide colline di Volterra! Il contatto con la natura, il cibo genuino e l’alta qualità del servizio sono dei fattori di sicuro successo per la riuscita di una vacanza.

Quale sono i principali vantaggi di una vacanza differente come quella in agriturismo?
Valentina: una vacanza rurale ci offre vicinanza con la natura, relax e tranquillità, tre caratteristiche che difficilmente troviamo in una più classica sistemazione. Riuscire a rilassarsi almeno in vacanza non è cosa da poco!

Quale credete sia il futuro del turismo rurale?
Considerando la velocità con la quale nascono e si invertono tendenze è difficile pensare fin da ora come potrebbe evolversi il turismo rurale. Negli ultimi anni questo tipo di turismo è in rapido sviluppo, un dato più che positivo assolutamente da non sottovalutare. A nostro avviso l’obiettivo principale resta quello di avvicinare quante più persone possibili alla natura, in modo da far sì che aumenti l’interesse e il rispetto verso di essa.

Radiografia Express
Il vostro rifugio rurale preferito: Alessandro – l’agriturismo La Cerqua, a Pietralunga: un posticino delizioso nel cuore dell’Umbria a 30 minuti da Perugia. La prima indimenticabile vacanza rurale con la mia ragazza :-). Il NOSTRO rifugio, a cui siamo tutti legati, è l’agri-hotel dove ci siamo incontrati per il primo meeting “Volterra Different”.
Il libro che portereste in valigia: Francesca – “Il profumo” di Patrick Süskind. Un libro che sì parla di profumi, ma anche di un viaggio: un viaggio alla ricerca di se stessi, del profumo perfetto, spostandosi da una parte all’altra della Francia del XVIII secolo.
Un viaggio che ha lasciato l’impronta: Giuseppe – Valencia perché è stato il primo di una lunga serie di viaggi in solitaria.
Un collega del quale ammiri il lavoro: Nel travel blogging ci sono molti colleghi molto bravi. Tra tutti diciamo Michele Aggiato, perché crede nei Bloggers e nel lavoro ci mette tanta passione.
Il vostro prossimo viaggio: Un blog tour nelle terre del Piceno a fine Aprile. Ci ritroveremo nelle Marche per scrivere di una bellissima terra ai più sconosciuta.
Un piatto che non ti stanca mai: Nicola – Le pappardelle ai funghi porcini



Pubblicato in: Interviste TR

Tags: ,

Post relazionati

  • “Spesso noi blogger ci sottovalutiamo troppo”: intervista a Federica Piersimoni
  • A voi la parola! Una settimana per decidere la storia rurale più bella
  • Raccontaci la tua storia rurale e vinci!
  • Pubblica un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Potrai usare il seguente codice HTML:
    <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

    *


    1. Michele dice:

      Che dire: you made my day. GRAZIE!