La Foresta di Montarbu: un viaggio nella Sardegna verde

.

Come già sapete il 2011 è l’anno internazionale dell’Onu per le foreste ed ogni due mesi dedichiamo un post ad una riserva boschiva della nostra meravigliosa Penisola. Le sei foreste sono state scelte da voi: oggi vogliamo parlarvi della foresta di Montarbu, in Sardegna!

La foresta di Montarbu. Foto Creative Commons no Commerciale di Matt. TaurielloLa foresta rientra nel territorio del comune di Seui (Ogliastra) e si estende per ben 2.700 ettari di boschi, rocce, corsi d’acqua.

Zona verde delle più suggestive ed incontaminate del territorio sardo, nasconde veri e propri tesori naturali. Non per nulla l’intera zona rientra nel Parco Nazionale del Golfo di Orosei e del Gennargentu ed è divenuta Oasi di Protezione Faunistica.

Una flora mediterranea. La foresta è la tipica della macchia mediterranea. Dominano i boschi naturali di leccio, agrifoglio e tasso. Da non perdere un esemplare di leccio monumentale, chiamato s’Ilixi ‘e Canali, appena fuori dal perimetro della foresta.

La fauna autoctona. Grande attenzione alla conservazione della fauna del luogo: nella foresta possiamo facilmente incontrare vari animali a rischio d’estinzione come il muflone, l’aquila reale e il gatto selvatico. Ma possiamo trovare anche il ghiro, il falco pellegrino, l’astore e il nibbio.

Arriviamoci in trenino verde. Vi suggeriamo una maniera geniale e divertente per visitare la foresta di Montarbu: il trenino verde dell’Arst (Trasporti regionali della Sardegna) organizza viaggi speciali su un antico trenino, ribattezzato trenino verde, con partenza dalla stazione di Mandas.

Cosa fare. Il centro visite della foresta demaniale è il punto di partenza ideale per chiunque voglia visitare il Parco. Al suo interno infatti possiamo trovare un interessante mini-museo che ci aiuterà a conoscere e a riconoscere la flora e la fauna della foresta. Dallo stesso centro visite si sviluppa la serie di sentieri e percorsi nel verde, paradiso per escursionisti armati di scarpe da trekking o bicicletta da montagna.

Vogliamo consigliarvi il percorso Montarbu-San Sebastiano T 112, 23 km a difficoltà medio-bassa. Il percorso, arrampicandosi per la formazione calcarea del Tonneri (i tipici rilievi della zona), attraversa la zona delle dismesse miniere di metalli preziosi, miniere sfruttate fin dall’epoca romana.



Pubblicato in: Itinerari

Tags: , , , , , , , ,

Post relazionati

  • Visitiamo il Parco Nazionale del Gargano, lo sperone d’Italia
  • Ma quanto era bello quell’agriturismo?
    Era vicino a….
  • Gli agriturismi sulla Costiera Amalfitana diventano zona
  • Pubblica un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Potrai usare il seguente codice HTML:
    <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

    *


    1. Arianna dice:

      La Sardegna è tutta bella. Con la disposizione mentale giusta, anche l’interno ha il suo fascino.