La Toscana, regione più amata dai turisti rurali

.

Nessun colpo di scena nelle destinazioni preferite dagli italiani per le loro vacanze in agriturismo. È la Toscana, con amplio margine di vantaggio, la regione stella per il turismo rurale italiano.
Il flusso turistico interno al Belpaese, anche per effetto della congiuntura economica, è più che altro un turismo di prossimità: il turista rurale italiano preferisce percorrere brevi distanze per approfittare al massimo dell’esperienza in agriturismo.

Sono queste le due principali conclusioni dell’analisi dei flussi turistici condotta da Toprural sul solco della presentazione dello studio “La Radiografia del Turista Rurale 2010 – Italia”, ricerca di mercato condotta su un campione di 1.006 interviste. La ricerca è in grado di analizzare, in maniera indipendente  e per il secondo anno consecutivo, il fattore “domanda” di turismo rurale

Per 3 italiani su 10 l’agriturismo è sinonimo di Toscana.
Dalle risposte dei turisti rurali italiani risalta come quasi il 30% del flusso di turismo rurale italiano sia diretto in Toscana. Il divario con la seconda regione preferita dagli italiani è notevole: la Sicilia è la destinazione del 9% dei turisti rurali italiani. A poca distanza troviamo la Puglia, con l’8% delle preferenze, e l’Umbria, con il 7%.

In fondo alla classifica invece troviamo il Friuli-Venezia Giulia, la Basilicata ed il Molise, indicate dall’1% della base del sondaggio.

L’agriturismo è di prossimità, effetto collaterale della crisi.
Il 78% degli italiani ha modificato i propri piani per le vacanze conseguentemente alla particolare congiuntura economica.

Questo dato si rispecchia nell’analisi dei flussi interni di turismo rurale: gli italiani preferiscono destinazioni agrituristiche che siano all’interno della propria regione o in regioni contigue.

Notiamo infatti come la Toscana sia la regione preferita dal 48% dei residenti del centro Italia (contro il 15% di chi vive al sud e il 34% di chi risiede al nord). La Sicilia, forte di un 9% su base nazionale, è la destinazione del 20% dei turisti rurali del sud Italia (contro il 3% di chi vive nel centro e il 2% di chi risiede nel nord). Gli agriturismi in Puglia (destinazione per l’8% dei turisti rurali su base nazionale) accolgono il 18% dei turisti rurali del sud Italia, contro l’1% degli arrivi dal centro e nord della Penisola. L’Umbria, quarta classificata con il 7% su base nazionale, riceve invece il 12% del flusso proveniente dal centro Italia, il 7% del flusso di turismo rurale del nord e il 5% del sud

Per saperne di più:
Radiografia del turista rurale 2010 Italia ( File pdf, 1Mb)
Scarica la scheda tecnica dello studio ( File pdf, 120Kb)

L’utilizzo di questa informazione è libero, ti chiediamo solamente, in caso di diffusione in altri canali di comunicazione, che venga citata la fonte e si inserisca un collegamento a questo blog. Una volta terminato l’invio ai media inseriremo la tabella dettagliata dei dati.



Pubblicato in: Comunicati Stampa

Tags: , , , , , , , ,

Post relazionati

Pubblica un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrai usare il seguente codice HTML:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*