Le cascate più belle d’Italia ce le avete segnalate voi!

.

Una cascata è generata da un fiume in quel punto in cui l’acqua, a causa del dislivello, precipita invece di scorrere“.
Per noi invece la cascata rappresenta, con il suo impressionante fragore e con la sua fresca acqua polverizzata, la fuga ideale dal caldo e dallo stress dell’estate e delle grandi città. Ognuno ha la sua cascata ideale, legata ad un ricordo o un’avventura, qual è la tua?
Curiosi, abbiamo lanciato una piccola inchiesta su Twitter e Facebook e ne è venuta fuori una meravigliosa selezione.
Ecco le più belle cascate italiane, tutte scelte da voi.

La cascata “Capelli di Venere” sorge nel territorio del comune di Casaletto Spartano (Salerno). Nel contesto incontaminato del Parco Nazionale del Cilento, questo meraviglioso salto prende il nome dalla modalità di caduta dell’acqua, che sembra creare tanti capelli nella fitta vegetazione. Grazie ad AnnalisaR1 per la segnalazione! (+ info)

La Cascata delle Marmore sorge nel territorio dell’omonima località, in provincia di Terni. È una delle più alte d’Europa e l’acqua si lancia in tre salti e da 165 metri d’altezza prima di tornare quieta. Cascata a flusso controllato, il dislivello è utilizzato anche da una piccola centrale idroelettrica, prende il nome dalle rocce di calcio della zona, dal colore simile al marmo. Grazie a Todiguide e a MatteoGaudenzi per le dritte! Agriturismi nella zona della Cascata delle Marmore. (+ info)

Il fiume Calore, in provincia di Salerno, non è un tipo tranquillo. Scorre tra gole, salti e piccole cascate e grotte. Attraversa il Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano ed è il paradiso degli sport estremi. Massimo De Santis, fotografo naturalista, ci ha suggerito una splendida cascata, nei pressi del comune di Laurino, la stessa che vedete nella foto grande. Per chi volesse ammirarla personalmente, ecco le coordinate. Grazie Massimo!

Le Cascate dell’Acquacheta prende il nome dal fiume che ci inciampa creando mille suggestivi scalini. Si trovano esattamente al confine tra Toscana ed Emilia Romagna, raggiungibili a piedi dal comune di San Benedetto in Alpe. Questo paesaggio fece innamorare così tanto Dante Alighieri che ne scrisse nel canto XVI dell’Inferno. Grazie a Girovagate per la segnalazione! (+ info).

La Cascata del Marmarico, con i suoi 114 metri, è una delle più alte del sud Italia. La possiamo trovare sull’Aspromonte, massicco montuoso della provincia di Reggio Calabria.  Questo impressionante salto d’acqua sorge sul corso della fiumara Stilaro, nel territorio del comune di Bivongi. Spettacolari anche le Cascate di Maesano, lungo il corso della fiumara Amendolea. Ringraziamo Edelweiss CAI per avercele fatte scoprire! (+info)

Le cascate della Villa Gregoriana.Tivoli, alle porte di Roma, sorge uno splendido esempio di villa romantica del secolo XIX. Si sviluppa in una valle molto ripida, chiamata anticamente “Valle dell’Inferno”. Qui l’Aniene si lancia per ben 130 metri rompendo in due salti successivi. Giuseppe di Eurotripit l’autore della segnalazione, grazie! (+ info)

Nel Parco Nazionale del Gran Paradiso troviamo varie cascate, tutte molto spettacolari vista la naturale pendenza dei valloni della zona. Le più importanti sono le Cascate di Lillaz a Cogne, famose per le arrampicate sul ghiaccio invernali, e le Cascate di Noasca, con il suo cammino che ci porta fino a dietro il muro d’acqua. Ringraziamo l’Ente Parco che ci ha contattato su Facebook!(+ info)

Ovviamente questa non rappresenta che una piccola parte delle cascate italiane. Perchè non ci aiuti ad ampliare la selezione lasciando un commento?

 



Pubblicato in: Itinerari

Tags: , , , , ,

Post relazionati

  • Visitiamo il Parco Nazionale del Gargano, lo sperone d’Italia
  • Ma quanto era bello quell’agriturismo?
    Era vicino a….
  • Gli agriturismi sulla Costiera Amalfitana diventano zona
  • Pubblica un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Potrai usare il seguente codice HTML:
    <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

    *