La Calabria si rimbocca le maniche

.

Dopo vent’anni dall’ultima riforma di settore da poco più di un mese è stata approvata la nuova legge sulla disciplina dell’attività agrituristica della regione Calabria.

Agriturismo Calabria

Ottava regione italiana ad uniformarsi a quella che è la legge quadro nazionale del 2006, il provvedimento punta nettamente alla rivalutazione del settore rurale in toto. Non poche le novità e gli aspetti dibattuti di questa riforma che, in ogni caso, rappresenterà un punto di riferimento per eventuali evoluzioni legislative in altre realtà italiane.

Ma quali sono gli aspetti più importanti?

  • Il proprietario di una struttura agrituristica dovrá essere in primis un imprenditore agricolo, dovrá quindi privilegiare il lavoro nel campo rispetto alla nuova attività, dovrà inoltre offrire agli ospiti prodotti provenienti in gran parte (il 70%) dalla stessa azienda agrituristica o da simili strutture presenti nella zona: il famoso chilometro zero. Sono previste inoltre limitazioni al numero di pasti somministrabili, al numero di posti letto e all’ampliazione di strutture giá esistenti.
  • Istituzioni delle fattorie didattiche e sociali grazie alle quali diffondere la cultura rurale tra i giovani e le scolaresche tramite visite guidate e lezioni sul campo.
  • Vengono regolate scrupolosamente le possibili attività da offrire agli ospiti che, oltre a contemplare la ristorazione e l’alloggiamento, vanno dalla pet therapy all’ippoterapia, alle attività di integrazione rivolte ad anziani o a soggetti con disturbi psichici, all’inserimento lavorativo.
  • Viene istitutita una rigida organizzazione dei controlli da parte delle province e dei comuni che potranno così verificare che tutti i requisti previsti vengano rispettati: verrá così assegnato il marchio “Fattoria didattica autorizzata”

La riforma, voluta fortemente dalle categorie calabresi di settore , rappresenta un passo in avanti per una regione così fortemente caratterizzata dalla fuga dal mondo rurale.

L’adeguamento alle nuove norme potrebbe però nello stesso tempo costare non poco a molti piccoli imprenditori agricoli, costretti a forti investimenti.
La parola passa a voi, cosa ne pensate?

Per approfondire: Testo completo della legge / Scheda della legge / Tutte le leggi regionali



Pubblicato in: Generale, Novità Toprural

Tags: , ,

Post relazionati

  • Alla scoperta del cuore verde dell’Emilia Romagna
  • Passione per il tartufo? Scopri la Fiera del Tartufo bianco d’Alba 2013
  • I Comuni più ricercati dell’estate 2011
  • Pubblica un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Potrai usare il seguente codice HTML:
    <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

    *