Smettetela di rubare gli autobus per andare in agriturismo

.

Il 10 marzo pubblicammo un post su un nuovo filtro del nostro portale: gli agriturismi raggiungibili con il trasporto pubblico. Il nostro scopo era quello di offrire un nuovo strumento, veloce e pratico, da utilizzare nelle vostre ricerche di un agriturismo. Ma, come sempre, i risultati superano le aspettative. E questa volta in peggio.

Abbiamo infatti ricevuto una denuncia da parte della polizia stradale: istigazione a delinquere. A quanto pare sarebbero schizzati alle stelle i furti di autobus di linea che vengono poi puntualmente recuperati nelle vicinanze degli agriturismi italiani, carichi di formaggi, affettati e vino. Nei verbali degli interrogatori agli arrestati, spesso persone insospettabili, si ritrova sempre la stessa frase:”La colpa è di Toprural“.

Leggiamo assieme qualche riga del nostro vecchio post:

“sono molti i turisti rurali che soggiornano in agriturismo e che non dispongono di un mezzo proprio (magari i più giovani ne sanno qualcosa) e che, per avventura, passione o scelta di vita preferiscono utilizzare il caro vecchio autobus”

Ci teniamo a precisare che le parole “avventura”, “passione” e “scelta di vita” non si riferiscono precisamente al campo semantico criminale ma ad una sana e rispettuosa condotta.

Fatta questa precisazione, vi preghiamo di non rubare più autobus (o treni) per recarvi presso il vostro agriturismo. Toprural non appoggia questo fenomeno e nello stesso tempo si ritiene estranea ad ogni coinvolgimento. Per maggiori informazioni: nota legale.



Pubblicato in: Turismo rurale

Tags: , ,

Post relazionati

  • Alla scoperta del cuore verde dell’Emilia Romagna
  • Passione per il tartufo? Scopri la Fiera del Tartufo bianco d’Alba 2013
  • I Comuni più ricercati dell’estate 2011
  • Pubblica un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Potrai usare il seguente codice HTML:
    <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

    *