Vacanze rurali in Italia: tre proposte per il 2014

.

860359

Ci siamo: ormai davvero poche ore ci separano dal 2014! Un modo per iniziare il nuovo anno con il piede giusto è concedersi la giusta dose di tempo per riflettere sulle attività a cui dedicarsi nel tempo libero, nei mesi a venire. Se amate la campagna e i viaggi rientrano tra le vostre passioni, prendete il calendario, date un’occhiata ai giorni di festivi e iniziate a ideare il vostro prossimo soggiorno rurale!

 

Con gli amici: in Puglia a raccogliere ottima frutta

Si sai: ogni stagione dona i suoi frutti e ciascuna regione del Bel Paese possiede eccellenze enogastronomiche. Prendete ad esempio la Puglia: nota con l’appellativo di “Il granaio d’Italia”, è una delle maggiori aree per la produzione di olio e vino in Italia. Non mancano neppure i frutteti: la primavera e l’estate sono i periodi più indicati per partecipare alla raccolta di alcune tipicità, come le albicocche di Galatone (tra maggio e giugno), le ciliegie “cerase” , vari tipici di limoni e agrumi. Gustare questi frutti direttamente presso le aziende agricole produttrici è un piacere da non perdere!

 

Il consiglio in più: cercate la struttura più adatta per svolgere questa attività tra gli agriturismi in Puglia

 

In coppia: Trekking in Campania alla Baia di Ieranto, tra ulivi, mirti e rosmarino

Tutelata dal Fai-Fondo Ambiente Italiano e compresa all’interno dell’Area Marina Protetta di Punta Campanella, la Baia di Ieranto si affaccia sul Golfo di Napoli. Accessibile via terra e via mare, racchiude una grande varietà di specie animali e vegetali; i suoi sentieri escursionistici a picco sul mare, sono accessibili gratuitamente durante la maggior parte dell’anno e consentono di godere della bellezza di un angolo incontaminato di Campania, tra i profumi e i colori della macchia mediterranea. Grazie ad un restauro recente, da alcuni anni gli ulivi della Baia hanno ripreso a dare i loro frutti.

Il consiglio in più: immergetevi completamente nelle fragranze mediterranee presso agriturismi della provincia di Napoli

 

In famiglia: una gita all’Ecomuseo della Montagna Pistoiese, in Toscana

Oltre alla possibilità di soggiornare presso fattorie didattiche e agriturismi con servizi dedicati ai bambini, un’altra proposta per mettere d’accordo grandi e piccoli è visitare siti di interesse agricolo e ambientale che possano stimolare l’interesse di tutti. Prima struttura di questa tipologia in Italia, l’Ecomuseo della Montagna Pistoiese propone sei diversi itinerari (naturalistico, del ghiaccio, del ferro, dell’arte sacra e religiosità popolare, della pietra e della vita quotidiana). L’ obiettivo è favorire la conoscenza di questa porzione di territorio toscano attraverso i segni lasciati dall’uomo nel corso della storia. Le visite guidate e le attività in cartellone si svolgono in prevalenza in estate e in primavera. Maggiori informazioni sono disponibili consultando il sito ufficiale

Il consiglio in più: cogliere questa occasione per concedersi un po’ di relax negli agriturismi della provincia di Pistoia

Post scritto da Valentina Silvestrini



Pubblicato in: Agriturismo, Generale, Itinerari

Pubblica un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrai usare il seguente codice HTML:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*


  1. Lory dice:

    Bei suggerimenti, la scelta delle regioni approvatissima. Puglia, Toscana e Campania hanno davvero paesaggi unici da offrire. Secondo me sono molte le aree rurali che meriterebbero di essere visitate e più conosciute in Italia, perché è proprio lì che le persone hanno conservato tutta la genuinità e la spontaneità che tanto apprezzano all’estero. Sto seguendo con passione un progetto che portano avanti a Peccioli, comune della Valdera in Toscana, dove tramite il concetto di sviluppo dal basso i cittadini ristruttureranno 40 casolari che verranno poi messi a disposizione del turismo!