Viaggio tra i presepi italiani

.

Quando si pensa al presepe il pensiero va inevitabilmente a Napoli ed in particolare a San Gregorio Armeno, la strada piena di botteghe e bancarelle di artigiani. Anche la città di Greccio svolge un ruolo importante nella tradizione natalizia: qui infatti, ogni anno, viene realizzato il presepe vivente più importante di Italia, dal momento che si tratta della rievocazione storica della prima rappresentazione vivente della Natività, voluta da San Francesco nel XIII secolo.

Ma, come sempre, anche quest’anno non mancano alternative originali alle classiche statuine di terracotta, come i presepi di neve che vengono costruiti a Lillaz in Valle d’Aosta e a Cuneo, in Piemonte e che sono visitabili a partire dall’8 dicembre fino al loro completo scioglimento.

Ogni regione sfrutta le sue risorse naturali: domenica 7 dicembre è stata inaugurata a Jesolo la settima edizione di Sand Nativity – Presepe di sabbia, un’iniziativa solidale che ogni anno si impegna a raccogliere fondi da investire in progetti umanitari e che si concluderà il 18 gennaio. Otto scultori di fama internazionale hanno utilizzato per le loro opere 850 tonnellate di sabbia per allestire un’area espositiva di 360 mq, pronta ad accogliere un’affluenza stimata di 80.000 visitatori.

Ma il primato del presepe più originale spetta a Manarola, che grazie al lavoro di Mario Andreoli, offre da oltre tent’anni uno spettacolo davvero mozzafiato. Il presepe, realizzato su un’area di 4.000 mq, presenta più di 260 figure realizzate con materiali di recupero.

La capanna del bambin Gesù è coperta da pannelli fotovoltaici che alimentano le 15.000 lampadine installate. Il presepe rimarrà montato fino a febbraio del 2009 e, una volta smantellato, l’impianto fotovoltaico rimarrà ad alimentare la rete elettrica di Manarola.

E il tuo presepe? Segui le tecniche tradizionali e antiche tramandate dai nostri avi, o anche tu hai proposto un presepe moderno tra le mura domestiche? Raccontaci la tua esperienza, meglio un vecchio asinello o un bue alla moda?

Più informazioni: Jesolo Sand Nativity, Parco nazionale delle Cinque Terre, La rievocazione storica del primo Presepe vivente, L’arte del Presepio.



Pubblicato in: Ecologia, Generale

Tags: , ,

Post relazionati

  • Alla scoperta del cuore verde dell’Emilia Romagna
  • Come mantenere la casa fresca in estate, in attesa delle ferie!
  • Secondi nell’Europa del calcio ma spesso primi nell’ecologia
  • Pubblica un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Potrai usare il seguente codice HTML:
    <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

    *